News
Calendario
 
 
   
 
 

NEWS - Notizie e Iniziative dal Teatro

ESCE IL FUMETTO DI RIGOLETTO
ESCE IL FUMETTO DI RIGOLETTO
In nuovo numero di Lirica a Strisce dedicato all'apertura della stagione lirica

Esce, in occasione dell’apertura della stagione lirica, il fumetto di Rigoletto edito dalla Fondazione Teatro Comunale di Modena per la collana Lirica a Strisce. L’opera è stata commissionata al modenese Stefano Ascari, sceneggiatore di tutti i titoli pubblicati finora, e al disegnatore Andrea Riccadonna.  

 GUARDA LE TAVOLE

Per raccontare questa storia dai toni cupi e tristemente moderni Andrea Riccadonna ha scelto di sperimentare una gamma di colori notturni, lividi e dai forti contrasti espressivi, costruendo tavole alle quali è negata (come lo è per i personaggi in scena) la luce del giorno e della speranza. Il libretto di Francesco Maria Piave è stato adattato in un italiano corrente, cercando però di preservare alcuni riferimenti espliciti alle arie più celebri (forse tra le più famose in assoluto dell'opera verdiana) quali "Cortigiani, vil razza dannata!", "Bella figlia dell'amore", "La donna è mobile". La feroce giustizia della maledizione di Monterone muove gli eventi in una rapida successione di scene e di momenti che precipitano, inevitabilmente, verso la tragedia e che ci consegnano, ancora una volta, una feroce invettiva contro il sopruso e l'ingiustizia.

 Il lavoro su “Rigoletto”, e sul precedente “Vespri Siciliani”, segna una nuova direzione rispetto ai volumi precedenti. Se con i primi due albi di Cesare Buffagni si erano voluti leggere “Macbeth” e “Romeo e Giulietta” alla luce della tradizone fumettistica modenese e se con la fortunata trilogia ad opera di Alberto Pagliaro (“La Traviata”, “Otello” e “Aida”) si erano sperimentate soluzioni contaminate dal cinema e dal teatro, con la scelta di Andrea Riccadonna (autore torinese in forza alla Sergio Bonelli Editore, storica casa editricie di Tex, Dylan Dog e moltri altri classici del fumetto d’avventura italiano) si è voluto omaggiare una tradizione tutta italiana di adattamenti a fumetti che ha trovato il suo apice negli anni ’60 e ’70 in figure come Gianni de Luca e Dino Battaglia. In questo senso il tratto classico e realistico, la composizione regolare della pagina e la colorazione virata in chiave espressiva, con una palette ridotta ma legata alle sequenze e ai sentimenti dei personaggi in scena rappresentano un commosso omaggio a una grande tradizione che seppe a suo tempo coniugare il grande pubblico del fumetto con i classici della letteratura.

 

Diventiamo Amici?

 

 

 

 

Teatro Comunale Luciano Pavarotti | Calendario | Newsletter | Informazioni
Fondazione Teatro Comunale Modena
Fondazione Teatro Comunale di Modena | Via del Teatro 8 - 41121 MODENA | PIVA e CF 02757090366
Tel. 059 2033020 Fax 059 2033021 | E-mail: [javascript protected email address]

 

2010 - sito realizzato da riccardocavalieri.com